informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Documentari scientifici: la nostra top five

Commenti disabilitati su Documentari scientifici: la nostra top five Studiare a Matera

I documentari scientifici sono un’occasione imperdibile per immergersi profondamente nel mondo della conoscenza. Grazie ai mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione possiamo vedere sullo schermo i progressi del mondo scientifico restando comodamente seduti sul divano di casa e senza pagare il biglietto. Un semplice abbonamento ai portali di distribuzione on line di film e documentari in streaming offre un accesso ad infinità possibilità di trascorrere le tue serate di fronte allo spettacolo della scienza che avanza. Non solo, se non hai ancora sottoscritto un abbonamento a uno di questi servizi, come Netflix o Prime Video, hai comunque a disposizione alcune risorse su Youtube.

Parti alla ricerca del titolo che possa soddisfare la tua voglia di cultura, ma per non perderti nei meandri delle possibilità ecco la nostra top five dei documentari da vedere se la scienza è la tua passione o il tuo lavoro.

1. Dentro l’inferno (Netflix)

film su scienza e naturaTra i documentari scientifici da vedere in streaming per noi questo sta al primo posto. La bellezza di questo film sta nella capacità di raccontare i vulcani dal loro punto di vista scientifico e antropologico in modo competo e affascinante, tenendo lo spettatore incollato allo schermo. D’altronde il nome del regista la dice lunga: Werner Herzog. Un regista di fiction che ha sempre mescolato il rigore e la curiosità scientifica per realizzare documentari da vedere tutti d’un fiato. Dentro l’inferno si muove tra alcuni dei più bei crateri sparsi nei cinque continenti, con una guida d’eccezione, il vulcanologo Oppenheimer, che li aveva precedentemente citati e studiati nel suo libro “Eruptions that Shook”, da cui prende ispirazione Herzog. Il regista e lo scienziato formano una coppia capace di trasmettere la forza delle immagini e le nozioni necessarie per comprendere la vastità della vulcanologia e molti interessanti aneddoti legati a questo straordinario mondo.

Oltre ad essere uno dei migliori documentari scientifici presenti sulla piattaforma è senz’altro uno dei migliori documentari del regista tedesco, che sa fondere varie discipline e scienze, dall’antropologia alla scienza naturale, con una grande sensibilità estetica e un rigoroso amore per il sapere.

2. La prima diretta streaming dallo spazio in 4K (Prime video)

Dalle profondità della terra allo spazio senza fine. Gli amanti dei documentari di scienza e natura non si sono fatti scappare questa proposta che ha visto insieme due giganti appartenenti a due settori apparentemente lontani: Amazon e Nasa. Grazie a questo felice connubio è stato possibile assistere alla diretta dallo spazio con immagini in 4K. La registrazione permette di rivedere la trasmissione in streaming. Non si tratta di un vero e proprio documentario ma di una conversazione tra il comandante a bordo nell’astronave e il responsabile di Elemental, azienda che si occupa di codifica e diffusione del segnale video. Partecipano alla discussione conferenza in collegamento con lo spazio anche specialisti in ingegneria meccanica e scienziati. Un tassello della storia dell’esplorazione dello spazio e allo stesso tempo dell’evoluzione inarrestabile della tecnologia. In realtà questa straordinaria testimonianza sottende anche una silenziosa lotta tra colossi del settore streaming cine-tv: chi possederà gli strumenti migliori per garantire uno streaming di alta qualità? La proiezione di queste immagini in 4k direttamente dallo spazio segna un punto a favore di Amazon.

3. L’illusione del tempo (Youtube)

Parliamo di fisica quantistica, un tema alquanto controverso ma su cui un numero sempre crescente di persone si interroga. Il documentario in streaming su Youtube si interroga sul concetto di tempo, sviscerandolo in quaranta minuti (un tempo non sufficiente). Il documentario non riesce a dare delle risposte ma pone ulteriori quesiti, accresce la curiosità e la voglia di continuare a ricercare le origini, il senso e le peculiarità del mondo che ci circonda. Lo fa parlando di relatività e di Einstein e poi allontanandosi verso il futuro e approcciando la fisica quantistica, che è stata riconosciuta come scienza solo negli ultimi anni.

Un documentario scientifico che mette in discussione gli assiomi stessi della scienza, le basi e i concetti che da sempre diamo per scontati. Certe idee non possono essere rinchiuse nei limiti di un documentario su spazio e tempo, entrambi questi concetti rientrano nel mondo dell’insondabile, pertanto la visione aggiunge quell’ulteriore capitolo di approfondimento che ci aiuta ad avere maggiori strumenti di comprensione ma non la verità assoluta.

4. Particle Fever (Netflix)

documentario sul CERNNon troppo lontano dall’Italia, in Svizzera (precisamente a Ginevra) si trova la sede del CERN, location di questo documentario su scienza e tecnologia. Ma cos’è il CERN e dove si trova lo sapevi già, quello che non sai è che volto hanno le persone che ci lavorano, come passano le giornate e quale spirito li anima a trovare la soluzione ad enigmi complicati e dalla portata rivoluzionaria. “La febbre delle particelle” racconta una storia, ma non c’è niente di inventato. Narra quali sono le vicissitudini che hanno portato alla scoperta del bosone di Higgs. La visione ti aiuta a comprendere dove è giunta la ricerca scientifica in questo ambito (la fisica), ma anche in altri ambiti, come l’ingegneria elettronica e lo sviluppo di nuove ed avanzatissime strumentazioni.  La viva testimonianza degli scienziati impiegati ogni giorno nei test, nella ricerca tecnica quotidiana che da Ginevra conduce lo spettatore ad una scoperta sensazionale: anche la scienza è umana.

5. Cosmos (Netflix)

Ultimo, ma non in ordine di importanza, questo documentario scientifico a puntate, presente su Netflix, ma trasmesso a sua volta anche sul canale 113 di Sky. Cosmos è un’opera unica di divulgazione scientifica, che mostra com’è possibile spiegare qualcosa di estremamente complesso senza far calare il livello di attenzione, anzi incalzando fine alla fine. Il programma, condotto da uno scienziato (Neil deGrasse Tyson), è stato ideato per un pubblico statunitense, eppure in tutto il mondo ha riscosso un enorme successo diventando uno dei documentari scientifici più belli e più visti degli ultimi anni. Il fine ultimo di questo progetto non è solo spiegare come si è originato il nostro pianeta, le stelle, i pianeti, ma anche e soprattutto far capire che la scienza è importante ed è importante conoscerla.

Speriamo che grazie a questa lista anche tu abbia compreso quanto ancora c’è da imparare, certo, cinque titoli sono solo una goccia nel mare dei documentari scientifici on line, ma intanto è un buon modo per iniziare e lasciarsi contagiare dal fascino complesso del nostro e di molti altri mondi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali