informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare consulente ambientale: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare consulente ambientale: studi e possibilità Studiare a Matera

La condizione ambientale preoccupa l’opinione pubblica e scuote l’animo di tutti. Aumenta la sensibilità su questi temi e di conseguenza cresce il numero di persone che si chiedono come diventare consulente ambientale. Una professione che salvaguarda il futuro di chi la intraprende e dell’intero pianeta.

Studiare come consulente ambientale: scegliere un mondo pulito

Prima di diventare tecnico addetto all’igiene ambientale e svolgere attività di consulenza è necessario intraprendere la giusta formazione. Un tecnico competente dovrà mostrare abilità multidisciplinari. I corsi di laurea più indicati per intraprendere la professione sono:

  • Ingegneria civile e ambientale
  • Scienze ambientali e naturali
  • Biologia e chimica

In generale tutti i corsi appartenenti alla classe di Laurea in Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura rientrano a pieno titolo nei corsi che spianano la strada verso il percorso per diventare consulente ambientale. Ovviamente il tipo di formazione cambia in base all’effettivo lavoro che si dovrà svolgere, alle esigenze aziendali e alle mansioni richieste. In alcuni casi può bastare anche il diploma di maturità, ma molto più spesso sarà importante avere un livello di conoscenza maggiore, come quella garantito da un master.

L’esperienza del master in materia ambientale, come quelli proposti dall’Università Niccolò Cusano, è la giusta strada per attivarsi nella realizzazione del sogno di diventare consulente o eco auditor. Le possibilità sono molte e diverse, ma si possono suddividere inizialmente in due tipi di percorsi: di natura tecnico-scientifica, oppure socio-economica e giuridica. Con la partecipazione ad un master per diventare periti ambientali si apprende:

  • Gestione ambientale e analisi dei processi
  • Green marketing d’impresa
  • Gestione ambientale dei prodotti
  • Legislazione ambientale generale e di settore

Il fine ultimo di queste proposte  è quello di fornire le chiavi di comprensione dei meccanismi alla base della tutela del territorio, sia per quanto riguarda la salvaguardia e la sostenibilità delle risorse, sia per tutto ciò che concerne la materia giuridica del settore. Un bagaglio di conoscenze tecniche e teoriche di rilievo, capaci di dare uno slancio concreto a chi vuole lavorare da subito con un approccio ecologico. Con un buon metodo di studio si può portare a termine la formazione anche mentre si sta già lavorando.

Le professioni del futuro sono green

libro per master in consulenza ambientaleDopo un’accurata e proficua formazione giunge il momento di buttarsi nel mondo del lavoro. Se la crisi ambientale è profonda anche quella occupazionale non scherza. Eppure si registra un incremento delle richieste di professionisti revisori e tecnici ambientali. Quali sono le offerte di lavoro per consulenti ambientali? Molte e tutte interessanti. Ecco con chi si può intraprendere una collaborazione professionale:

  • Imprese di costruzione e manutenzione
  • Studi di progettazione opere
  • Enti e consorzi di controllo
  • Società di studio fattibilità per opere urbane
  • Grandi cantieri
  • Enti pubblici e privati per la gestione dei rifiuti

La lista non finisce qui, sono solo alcune delle realtà che sono alla costante ricerca di profili formati come tecnici addetti all’igiene e alla sicurezza ambientale, altro modo utilizzato per definire i consulenti.

Un’altra strada da seguire è quella della libera professione. Aprire uno studio di consulenza ambientale è può essere un buon modo per scegliere autonomamente dove, come e con chi collaborare. Ecco cosa fa un esperto di sicurezza e qualità ambientale dal suo studio privato:

  • Propone formazione del personale
  • Offre consulenza in materia giuridica
  • Pianifica strategie e conduce analisi dei sistemi di gestione

Una strada non esclude l’altra. È possibile sia svolgere la libera professione, sia essere dipendenti di un’azienda, ma chi inizia quest’avventura è sempre meglio che si affianchi a chi possiede già un buon grado di esperienza, o a strutture accreditate, come associazioni e cooperative.

Il riconoscimento della professione

In Italia la questione del riconoscimento professionale è piuttosto spinosa. Grazie ad una legge che ha modificato le disposizioni sull’organizzazione delle professioni è stato possibile smuovere le acque e cercare di trovare soluzione per la miriade di lavoratori senza albo. Un ruolo sempre più rilevante è stato affidato alle associazioni, anche private e volontarie, purché attive nella tutela dei professionisti.

La legge consente di iscriversi a tali associazioni e di potersi sentire rappresentati come categoria, cosa che fino a meno di un decennio fa non era neanche lontanamente pensabile. Molto è stato fatto per la qualificazione dell’attività di consulenza, ed ora possiamo dire che esiste un albo dei revisori ambientali. Invece molto ancora dev’essere fatto per evitare che chi non possiede la giusta competenza e formazione si improvvisi gettando discredito sulla categoria.

Per entrare a far parte di una di queste associazioni di categoria bisogna rientrare in alcuni criteri. Ad esempio, prestare servizio in una delle seguenti macroaree:

  • Trattamento rifiuti
  • Depurazione acque
  • Bonifica
  • Energie rinnovabili
  • Analisi e ricerche di laboratorio
  • Depurazione aria

Gli addetti ai lavori in campo ambientale sono una moltitudine di professionisti che mettono in campo la propria esperienza, formazione e passione per accogliere la sfida di un mondo più pulito, di un pianeta fuori dal rischio di implosione generato dalla pressione inquinante della nostra presenza scellerata.

Anche in Italia si prendono sempre più in considerazione i lavori green, rispondendo all’urgenza di un cambiamento di rotta, proprio in quest’ottica la sensibilità ambientale viene supportata dalle aziende, ma anche dagli istituti formativi. Primi fra tutti le università, che formano le giovani menti alle professioni del futuro. L’Università degli Studi Niccolò Cusano è tra le realtà accademiche che si sono distinte per comportamenti virtuosi ed ecocompatibili, anche grazie alla proposta telematica che abbatte notevolmente costi e impatto ambientale.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali